Treviso

BTicino l’interfaccia perfetta per Ca’ delle Alzaie

Ca’ delle Alzaie è l’ultimo intervento residenziale firmato da Stefano Boeri Architetti in Italia.
Il progetto, sviluppato a Treviso, si inserisce nell’ambito della ricerca sulla forestazione urbana, attività iniziata a Milano da Stefano Boeri con il Bosco Verticale, dove trovano spazio indagine scientifica, urbanistica e progettazione architettonica.
Divenuta un punto di riferimento internazionale per chiunque cerchi una risposta concreta ai problemi legati al cambiamento climatico in ambito urbano, ha rappresentato uno dei punti fermi per lo sviluppatore del progetto, Cazzaro Costruzioni, impresa che opera nel campo dell’edilizia da oltre cinquant’anni, con l’obiettivo di proporre al mercato soluzioni d’avanguardia volte a migliorare la qualità abitativa degli edifici e a ridurre l’impatto ambientale.

Ca’ delle Alzaie nasce dal recupero di un’area ex produttiva di circa 11.000 mq, a pochi passi dal centro storico di Treviso e si affaccia sul fiume Sile.
L’obiettivo era sviluppare un intervento in cui gli edifici avrebbero dialogato strettamente con la natura circostante.

È questo il contesto in cui si è inserita BTicino, occupandosi sia della realizzazione dell’impianto elettrico che della domotica hardware e estetica, fornendo anche supporto commerciale e tecnico.

Per quanto riguarda l’estetica, all’interno dei cinquantotto appartamenti è stata scelta la linea BTicino Living Now, per la sua estrema pulizia del disegno e per il rigore delle geometrie.
Finiture bianche o nere, una forma unica e distintiva. Una sintesi di bellezza, funzionalità e tecnologia che trasforma l’interruttore in una vera e propria interfaccia di comando.
L’accensione o lo spegnimento della luce, l’automazione delle tapparelle, avvengono premendo qualsiasi punto della superficie dei tasti che, una volta azionati, ritornano in posizione restando sempre perfettamente allineati.
Con Living Now l’interruttore si trasforma così in un’interfaccia.

A Ca’ delle Alzaie sono stati inseriti i videocitofoni connessi, con home touch da sette pollici e comandi vocali Amazon Alexa.
In ogni appartamento sono presenti sistemi per la gestione dei carichi e la visualizzazione consumi, termoregolazione per sistemi a pavimento e canalizzati, antifurto IP e integrazioni con sistemi meccanici di terze parti tramite driver manager.

Trovano spazio anche un web server per la connessione remota, quadri elettrici e flatwall completi di interruttori di protezione e salvavita.
Nelle zone comuni sono state poi previste batterie tampone e sganciatori di emergenza, gruppi di continuità elettrica per pompe, prese di ricarica per autoveicoli e un sistema per la diffusione sonora digitale.

Ca’ delle Alzaie si compone di tre fabbricati di sette piani, in classe energetica A4 NZEB, dotati di una piastra seminterrata in cui sono stati realizzati ampi garage, che si presenta in copertura come uno spazio verde, con un prato fiorito, arbusti e alberature.
La scelta di un fronte discontinuo garantisce un elevato livello di privacy degli spazi interni ed evita il formarsi di una barriera visiva tra i tre differenti corpi.
Ogni piano ospita due o tre appartamenti, di diverso taglio, in cui le zone giorno sono collocate a sud, verso il fiume, mentre le zone notte sono rivolte a nord.
Le facciate principali a sud e nord di tutti gli edifici sono attrezzate per ospitare alberature e grandi arbusti.

Il team di progetto di Stefano Boeri Architetti è stato guidato dall’architetto Marco Giorgio, Direttore e Partner di Stefano Boeri Architetti, affiancato nella progettazione del verde dall’agronoma paesaggista Laura Gatti.
Quattrocento nuovi arbusti a basso fusto e centoventi nuovi alberi in facciata, due ettari di verde tra verticale e orizzontale che si prevede produrranno circa tre tonnellate di ossigeno ogni anno.
Nella scelta delle piante da inserire, proprio nell’ottica di un assoluto rispetto del luogo, sono state seguite anche le linee guida indicate dal Parco del Sile, che hanno portato a individuare piante autoctone, non in conflitto tra loro e che non presentassero allergeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button