Treviso

Bilancio Polfer nelle stazioni del Veneto. A Treviso denuciato 29enne graffittaro

2.265 identificati e 14 denunciati: questo il bilancio dell’attività svolta dal personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, nella settimana appena trascorsa, in particolare nelle stazioni di Padova, di Venezia-Mestre e Venezia S. Lucia.

Denunciate quattro ragazze, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, le quali, già gravate da numerosi precedenti penali, sono state riconosciute colpevoli di furto aggravato in concorso, commesso in data 25 settembre, ai danni di un passeggero su un treno regionale in partenza dalla stazione di Venezia S. Lucia.

Nella stazione di Padova, gli agenti hanno rintracciato, in due diverse occasioni, tre minori; due di loro trovati a girovagare disorientati per lo scalo sono stati avvicinati e identificati come afghani e sono stati affidati ad una Comunità per minori.
Il terzo ragazzo anch’egli rintracciato, è stato riaffidato ai genitori.

A Padova, un giovane, è stato denunciato perché, risultato positivo al Covid-19, si era allontanato dalla Comunità in cui era ospitato.

Nello scalo ferroviario di Treviso, gli Agenti Polfer hanno denunciato un 29enne, grafittaro che ha imbrattato una vettura ferroviaria.
Il giovane è stato fermato mentre era in attesa di un treno diretto a Udine.
Dagli accertamenti effettuati, sono emersi numerosi precedenti penali a suo carico per i reati di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e per maltrattamenti in ambito familiare.
Gli sono state sequestrate due bombolette spray che teneva nello zaino.
Nella stessa giornata, il 29enne ha collezionato una seconda denuncia anche dal personale Polfer di Conegliano Veneto perché si è rifiutato di declinare le proprie generalità durante un controllo.

Con il primo week-end di ottobre, si è conclusa anche l’attività dedicata ai controlli dei convogli trasportanti merci pericolose.
I controlli sono avvenuti in particolare nello scalo ferroviario di Marghera dove sono stati ispezionati 84 carri merci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker