Treviso

Banca Prealpi San Biagio/Ai dipendenti il premio "fusione"

Banca Prealpi SanBiagio ha siglato un importante accordo per l’Istituto e per l’intero Gruppo Cassa Centrale, con la delegazione sindacale del gruppo e le rappresentanze sindacali aziendali Federazione Autonoma Bancari Italiani (FABI), Federazione Italiana Reti dei Servizi del Terziario (FIRST – CISL), Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazione e Credito (FISAC – CGIL) e la UIL, Credito, Esattorie e Assicurazioni (UILCA).

Tra i punti presenti nell’accordo, di particolare rilievo l’erogazione di un significativo premio di fusione una tantum destinato a ciascun dipendente, ad esclusione della Direzione Generale.
Tradotto, il calcolo che dovrà fare il singolo dipendente per conoscere il suo premio sarà partire dalla retribuzione lorda annua, dividere per 12 e ricavarne il 75%: in soldoni, tre quarti di una mensilità, ma compresa una fettina di tredicesima.

«Il premio, che rappresenta un unicum in ambito bancario, vuole essere un importante riconoscimento al lavoro che le donne e gli uomini di Banca Prealpi SanBiagio conducono quotidianamente con passione, energia e grande integrità nei confronti di clienti e colleghi» ha commentato Girolamo Da Dalto, Direttore Generale dell’Istituto.

Altri temi di rilievo discussi nell’accordo sindacale sono la valorizzazione delle professionalità esistenti in azienda – con grande attenzione alla formazione -, l’introduzione di una indennità di mobilità commisurata per i trasferimenti in seguito alla fusione e la ricollocazione nell’area atestina, entro 12 mesi, del personale che quotidianamente da Este raggiunge la sede di Tarzo.

«Siamo certi che l’accordo siglato favorirà ulteriormente lo sviluppo di un clima aziendale positivo e collaborativo e ci auguriamo – afferma Carlo Antiga, Presidente di Banca Prealpi SanBiagio – che tutti i dipendenti della Banca possano sentirsi oggi ancora più parte integrante dell’organizzazione, e in essa realizzare le proprie aspirazioni professionali e personali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button