Venezia

Baby gang a Mestre/Il capobanda 22enne non potrà più uscire la sera o lasciare il Comune

Nei giorni scorsi il personale della Divisione Anticrimine della Questura di Venezia ha notificato a C.M., 22enne di Mestre, la misura di prevenzione della sorveglianza speciale proposta dal Questore Masciopinto al Tribunale di Venezia.

Il ragazzo è infatti considerato un soggetto molto pericoloso per le molte manifestazioni violente delle quali si è reso responsabile nell’ambito di una delle baby gang che hanno imperversato a Mestre negli ultimi anni.
Lo stesso verrà sottoposto alla sorveglianza speciale per tre anni, accompagnata dall’obbligo di risiedere nel comune di Venezia, senza possibilità di uscirne se non autorizzato e dovendo rimanere in casa di sera e di notte, oltre ad altri obblighi che ne limiteranno la libertà di movimento.

In questi anni il ragazzo, unitamente agli altri componenti di baby gang, si è reso responsabile di oltre venti episodi violenti, la gran parte dei quali ai danni di coetanei o di stranieri, in particolare bengalesi.

Più recentemente, si era specializzato nella perpetrazione di truffe on line: servendosi dei social, contattava inserzionisti che ponevano in vendita oggetti di varia natura ai quali, fingendosi interessato all’acquisto, con semplici ma raffinate tecniche, riusciva a far accreditare somme di denaro su carte postepay a lui riconducibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button