Prendi nota

Art Aia – Creatives / In / Residence approda su Google Arts & Culture

Le bellezze del Friuli Venezia Giulia approdano sulla piattaforma internazionale Google Arts & Culture – spazio online creato per esplorare i tesori, le storie e il patrimonio di conoscenza di oltre 2.000 istituzioni culturali di 80 paesi nel mondo – grazie a Giovanni Enrico Morassutti e al suo progetto Art Aia – Creatives / In / Residence.

Morassutti – che è attore, regista teatrale, scrittore, artista e imprenditore culturale – da tempo ha avviato nella tenuta di famiglia a Sesto al Reghena una residenza artistica inserita in un suggestivo ambiente rurale, volta a promuovere sia le arti attoriali (e in particolare il metodo Strasberg), che quelle artistiche.

In virtù dell’accreditamento ottenuto da Google Arts & Culture, ha pubblicato 7 storie, ovvero 7 esposizioni multimediali (alcune delle quali già presentate in anteprima nel centro storico di Milano alla manifestazione “5vie D’N’A Art for a Better World”), che attraverso brevi testi, foto, video e audio si focalizzano sui temi a lui cari: la recitazione col metodo Strasberg, l’arte contemporanea sviluppata con le residenze artistiche a Sesto al Reghena e a Berlino (dove in un ex negozio di quartiere ha dato vita ad Art Aia La Dolce Berlin), i progetti artistici internazionali in collaborazione e co-curatela come la Comunità di Uronto (Bangladesh) e il Friuli Venezia Giulia.

Alla regione di cui è innamorato, e che attraverso Art Aia diventa il fulcro da cui si irradiano in Europa e nel mondo le tematiche dell’arte teatrale e dell’arte contemporanea, Morassutti ha infatti dedicato ben 2 delle esposizioni on line su Google Arts & Culture: 10 magiche gemme nascoste in Friuli e La flora e la fauna della campagna friulana.

“Ho studiato a Roma (Centro Sperimentale di Cinematografia) e New York (dove ho conosciuto Susan e John Strasberg) e oggi vivo a Berlino. Ma il mio cuore è in Friuli – afferma Morassutti che nel 2020 è stato impegnato come attore nelle riprese del film “Fra due battiti” al fianco di Remo Girone, richiamato sul set da Stefano Usardi col quale aveva già girato a Trieste il film “Affittasi vita”, in concorso al David di Donatello 2021.

La tenuta di Banduzzo, immersa nella natura e sospesa nel tempo è il fil rouge che lega tutti miei progetti: qui porto artisti italiani e stranieri in residenza, qui ho portato John Strasberg per stage di approfondimento sulla recitazione realista, da qui è partito lo stimolo per la versione berlinese del progetto. La promozione di scambi e collaborazioni tra singoli artisti e gruppi di varie nazionalità e provenienze nasce in un ambiente e in una terra unica, che ho voluto mettere sotto i riflettori per promuovere il turismo culturale in regione.

Con i progetti in presenza portiamo gli artisti alla scoperta del territorio, dei suoi sapori e delle sue tradizioni (con una attenzione particolare alla sostenibilità, come nel caso della collaborazione con la tenuta dei Principi di Porcia); con Google Arts & Culture abbiamo la possibilità di presentarlo virtualmente a una platea mondiale”.

Ecco che grazie alle tecnologie di Google e a una innovativa modalità di storytelling multimediale, col contributo di professionisti locali come Fabio Pappalettera e Alan Morassut che firmano suggestivi video col drone e foto emozionali, davanti agli occhi del pubblico si dispiega un viaggio tra torrenti, cime montuose, lagune, castelli, vigne, svelando luoghi da fiaba, spesso poco conosciuti. È il trionfo della biodiversità e dell’incanto della natura, è lo svelamento dell’anima del Friuli Venezia Giulia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker