Home -> Venezia -> Anche Musile decide un contributo per i bambini che fanno sport
In foto: il sindaco Silvia Susanna, l'assessore allo sport Giovanni Ferrazzo e l'ad di Ecopatè srl, Nicola Dalmasso

Anche Musile decide un contributo per i bambini che fanno sport

Un contributo di 100euro a famiglia per il figlio o la figlia che si iscrive per la prima volta a una disciplina
sportiva e di 70euro per chi invece continua l’attività.
E’ quanto prevede il progetto “Sport Musile 7-10”, presentato ieri sera dal Comune di Musile di Piave nella sala polivalente del centro culturale Bressanin-Sicher.

L’iniziativa, valida per l’anno sportivo 2019/2020 e 2020/2021, è dedicata ai nuclei familiari musilensi con bambine e bambini frequentanti le classi seconde, terze, quarte e quinte della scuola primaria:
piccoli sportivi che vanno dai 7 ai 10 anni.

«Questo progetto», spiega il sindaco di Musile di Piave, Silvia Susanna, «è un incentivo allo sport vero e
proprio. Siamo convinti che la pratica sportiva, fin dalla tenera età, costituisca un valore importante, sia per il benessere che per l’educazione. Per questo, come amministrazione, abbiamo pensato di stanziare a bilancio una somma di 20mila euro per questa annualità, raggiungendo oltre 260 famiglie.

L’iniziativà verrà riproposta anche nella stagione 2020/2021, con un contributo, sempre di 20mila euro, sostenuto dalla ditta locale Ecopatè, che ringraziamo infinitamente per la collaborazione.
Da sottolineare -continua il sindaco- che il progetto è dedicato alla famiglia residente a Musile, ma il proprio figlio può iscriversi a una disciplina anche in altri comuni del territorio».

Il contributo economico, come spiegato ieri in fase di presentazione, sarà erogato alle associazioni che
organizzano i relativi corsi sportivi (a scomputo parziale della quota di iscrizione per il bambino o la
bambina beneficiario del contributo), con modalità operative simili a quelle del progetto “6SPORT” della
Città Metropolitana di Venezia, ma più semplificate.

«Il nostro obiettivo», ha detto l’assessore allo sport del Comune Giovanni Ferrazzo, «è quello di arrivare
all’80% di bambini che a Musile praticano attività sportiva. Ora siamo a circa il 66%, una percentuale
comunque importante, che vogliamo incrementare. Siamo convinti, attraverso questo progetto innovativo, di essere sulla strada giusta e soprattutto onorare l’impegno preso fin dall’inizio del nostro mandato, ossia quello di promuovere lo sport in ogni forma, venendo incontro anche alle famiglie».

Alla presentazione di ieri sera vi era anche Nicola Dalmasso, amministratore delegato di Ecopatè srl, azienda con sede a Musile attiva nel recupero del vetro, che sosterrà la metà della spesa per il progetto, ossia 20mila euro.

«Abbiamo sposato fin da subito l’iniziativa», ha detto Dalmasso, «perchè come azienda crediamo fortemente nell’ambiente e anche nei valori dello sport, da incentivare a partire dalle giovani generazioni.
Stiamo parlando di un progetto ambizioso, che ci vede con il Comune parte attiva a favore della
popolazione».

In foto: un momento della presentazione del progetto “Sport Musile 7-10”. Presenti il sindaco Silvia
Susanna, l’assessore allo sport Giovanni Ferrazzo e l’ad di Ecopatè srl, Nicola Dalmasso

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*