Treviso

Alloggi popolari a Treviso/Il Comune ne recupera altri 32, le richieste sono 174

Treviso – Un piano di ristrutturazione degli alloggi popolari per far fronte alle richieste pervenute al Servizio Sociale del Comune di Treviso.
Sono stati presentati questa mattina a Ca’ Sugana gli interventi effettuati dall’Amministrazione comunale per le nuove unità abitative.

Nel 2022 verranno messi a disposizione altri 32 alloggi: allo stato attuale sono in corso 10 interventi sulle abitazioni rientrate nella disponibilità dell’Ente, che necessitano di interventi fra gli 8 e i 10mila euro ciascuno.
Successivamente ne verranno ristrutturati altri 22.
Entro il mandato è prevista inoltre la riqualificazione di 7 alloggi nel quartiere di San Liberale nell’ambito del progetto PINQUA (importo complessivo 464mila euro).

Gli interventi in programma seguono i lavori già effettuati a partire dal 2019 per 97 alloggi, corrispondenti al 12% del patrimonio comunale in ambito di edilizia residenziale pubblica.
Nel corso del mandato sono stati investiti 5,3 milioni (finanziati in parte da bandi POR FESR) per i lavori di ristrutturazione completa degli alloggi a Santa Bona, San Zeno, Sant’Antonino, San Liberale (2,4 milioni di euro), manutenzione ordinaria (291mila euro), alloggi PINQUA (464mila euro), alloggi da assegnare (220.000 euro) per la ristrutturazione delle parti comuni a Borgo Mestre, im via Bianchini, in via Santa Bona Nuova e a Lanzago di Silea (2 milioni).

Servizi Sociali.
Ad oggi sono prevenute al servizio sociale del Comune di Treviso 67 domande per sfratto esecutivo, 29 per esecuzioni immobiliari e 78 per altre emergenze (difficoltà economiche, alloggi non a norma) per un totale di 174 domande.
Sul fronte dell’emergenza abitativa l’Amministrazione ha erogato negli ultimi due anni (caratterizzati dall’emergenza Covid-19) 838 mila euro a sostegno di 450 famiglie.

«Da parte dell’Amministrazione c’è sempre stato e ci sarà sempre l’impegno di mettere a disposizione nuovi alloggi», le parole del sindaco Mario Conte.
«Nel corso del mandato abbiamo recuperato 107 alloggi e abbiamo la possibilità di metterne a disposizione altri 32.
Dal 2020 il Covid ha inciso fortemente sulle marginalità e la domanda di alloggi è cresciuta fortemente.
In ogni caso, già dal 2019 avevamo messo in atto un programma che con la pandemia è stato ulteriormente implementato con interventi sia in ambito di riqualificazione che di sostegno alle famiglie in difficoltà.

Ringrazio gli assessori Tessarolo, Zampese e Schiavon per il grande lavoro di sintesi con i rispettivi settori per definire un piano condiviso e concreto».
«Il tema delle case popolari è molto serio e riguarda migliaia di famiglie», chiude il sindaco.
«Va trattato con cognizione di causa, dati alla mano e con grande rispetto nei confronti di chi si trova in uno stato di bisogno. Ritengo non debba essere strumentalizzato per fini elettorali, con il rischio di illudere le famiglie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button