Venezia

Al Consiglio Comunale arrivano i carabinieri

L’Ordine del Giorno del Consiglio Straordinario convocato in Municipio a Mira per ieri sera era stato preannunciato per tempo ed i Carabinieri, in accordo con la Questura di Venezia, avevano predisposto un adeguato servizio di Ordine Pubblico per assicurare che la seduta si svolgesse in tutta tranquillità.

Si prevedeva una seduta molto accesa perchè il Consiglio Comunale era chiamato a discutere della paventata apertura/ampliamento dell’inceneritore di Fusina, stabilimento a ridosso del territorio del Comune dove ora molti cittadini temono per ricadute negative sulla qualità dell’aria.

Sin dall’inizio dei lavori l’aria si è fatta molto tesa: c’erano manifestazioni con cartelli, urla e interventi che ad un certo punto hanno consigliato il Presidente a sospendere i lavori e richiede alla Polizia Locale di allontanare i più agitati.

A dare manforte ai Vigili sono intervenuti anche i Carabinieri che si sono visti bersagliare di improperi ed ingiurie gratuite.

I militari hanno comunque allontanato due uomini – padre e figlio – particolarmente attivi nelle contestazioni, identificandoli e denunciandoli per Resistenza ed Oltraggio a Pubblico Ufficiale, nonché per Interruzione di servizio pubblico.

La seduta, dopo una breve interruzione, ha potuto riprendere per poi concludersi normalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button