Home -> Veneto -> Agente di Polizia ferito a Vicenza da un spacciatore nigeriano. Assessore Donazzan: “nessun rifugio in Italia ai seminatori di morte”

Agente di Polizia ferito a Vicenza da un spacciatore nigeriano. Assessore Donazzan: “nessun rifugio in Italia ai seminatori di morte”

“Nel giorno in cui il prefetto di Venezia lancia l’allarme droga nel Veneto, prima regione in Italia nel 2019 per numero di morti causati da overdose, la cronaca ci racconta l’ennesimo episodio di chi, accolto nel nostro Paese per motivi umanitari, rivela la sua vera identità di seminatore di morte.
A questi immigrati va detto basta, basta e ancora basta”.
Lo afferma l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan, commentando la notizia dell’arresto a Vicenza di un ventiseienne di origini nigeriane per spaccio di stupefacenti, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, poi processato per direttissima e condannato.
“Esprimo gli auguri di pronta guarigione all’agente di polizia ferito nel corso dell’arresto – conclude Donazzan – e spero vivamente che questi delinquenti, spacciatori di professione, molto spesso appartenenti a pericolose organizzazioni, oltre a vedersi negata ogni possibilità di rifugio nel nostro Paese, siano immediatamente espulsi, a salvaguardia della nostra comunità, delle nostre famiglie, dei nostri figli”.
Per la cronaca, allo spacciatore nigeriano di 26 anni, richiedente asilo dal 2016, era già stato revocato il permesso di soggiorno pe rmotivi umanitari.
Al momento dell’arresto, ha opposto resistenza e ha provocato la frattura ad una mano all’agente di polizia.
E’ stato condannato per direttissima ad un anno e otto mesi, pena sospesa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*