Veneto

A Zaia il nuovo Dpcm non piace

Nuova conferenza stampa, quest’oggi, del Governatore veneto Luca Zaia, per un punto non tanto sulla situazione veneta della pandemia, quanto sul nuovo Dpcm entrato in vigore oggi.

Forse la notizia più importante è la conferma che si va verso il tampone dai medici di famiglia, una vera patata bollente che le Regioni hanno passato volentieri al Ministero e che, secondo Zaia, dovrebbe portare ad un accordo in tal senso entro qualche giorno.
Di coinvolgere maggiormente i medici di base c’aveva tentato anche lui, in Veneto, ottenendo circa 650 adesioni spontanee a fronte di oltre 3 mila medici di famiglia presenti.

A Zaia il nuovo Dpcm non piace e lo fa capire chiaramente.
logico attendersi che si schieri dalla parte di gestori di bar e ristoranti, ma non è difficile nemmeno comprendere perchè il governo abbia deciso lo stop alle 18 per quelle attività.
nelle ultime settimane ci è sembrato di vedere “anta” e anziani ben attenti a non esporsi a inutili rischi, mentre i più giovani forse se ne sono preoccupati meno.

Da qui, forse, l’idea di fermare i ritrovi serali, il rito degli aperitivi in particolare.
Certo, il settore pagherà un conto salato, su questo non c’è dubbio, solo parzialmente attutito dalla possibilità di fare consegne a domicilio e asporto.
Zaia ha anche previsto che per i lavoratori in trasferta non vi siano limiti nell’ora di cena e ha citato i Centri Commerciali come luoghi più a rischio di quanto non possa esserlo un ristorante che segua le regole.

Zaia ha poi annunciato le nuove regole per le scuole Superiori, in vigore da mercoledì 28.
Accogliendo quanto raccomandato dal Dpcm, il 75% delle lezioni sarà didattica a distanza, con due estremi diversi: gli studenti con seri problemi di salute potranno alzare questa quota al 100%, mentre, al contrario, dovrà essere garantita la didattica in presenza ai ragazzi con disabilità.
Gli istituti professionali continueranno a tenere aperti i loro laboratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button