Spettacoli

A Verdi di Pordenone/Aperte le prevendite per l’evento inaugurale

Pordenone – Aperte le prevendite per lo spettacolo di apertura della programmazione autunno-inverno del Teatro Verdi di Pordenone, un evento d’eccezione proposto in esclusiva, che Il teatro pordenonese ha riprogrammato dopo l’annuncio dello spostamento del concerto di Maurizio Pollini, inizialmente calendarizzato in apertura di stagione (il giorno 11 ottobre), e che ha dovuto rinviare al 26 gennaio 2022 causa le nuove disposizioni mediche che riguardano il Maestro.

Sempre nel segno della grande musica e dei grandi interpreti l’appuntamento atteso per l’inaugurazione del Verdi, venerdì 15 ottobre, con il concerto-balletto “Stravinsky’s Love”: a spiccare in scena una delle più apprezzate protagonista del pianismo mondiale odierno come Beatrice Rana, che si esibirà con il pianista Massimo Spada e la violinista olandese Simone Lamsma. Accanto a loro una serie di stelle della danza mondiale.
Fino al prossimo 11 ottobre è possibile richiedere il rimborso dei biglietti già acquistati per il concerto di Maurizio Pollini, ma il Verdi annuncia che, oltre all’opzione del rimborso, restano comunque validi i biglietti anche per la nuova data di gennaio.


Contestualmente sono aperte, sia in biglietteria che online, le prevendite per questo nuovo evento fuori abbonamento. Stravinsky’s Love – a cura di Daniele Cipriani con la consulenza musicale di Gastón Fournier-Facio – rende omaggio a Igor Stravinsky nel 50 anniversario della sua morte e alla passione del grande compositore russo per la danza, reinterpretando schegge folgoranti dei suoi lavori con brani tratti da alcuni tra i suoi più famosi balletti come Pulcinella, L’Histoire du soldat, Petrushka.


L’uccello di fuoco, Apollo: per questi ultimi due, il pubblico potrà ascoltare le incisioni storiche dirette dallo stesso Stravinsky. Tra i danzatori spiccano Sergio Bernal (già Balletto Nazionale di Spagna), Davide Dato (Opera di Vienna), Ana Sofia Scheller (già New York City Ballet), Mattia Tortora e Susanna Elviretti (Compagnia Cipriani).
La sceneggiatura è firmata da Vittorio Sabadin e si basa su scritti del compositore stesso, narratore in scena è Vladimir Derevianko, già primo ballerino del Bolshoi di Mosca, vero e proprio mito della danza classica maschile tra gli anni Ottanta e Novanta.


Un’attenzione particolare ai costumi, a cura di Anna Biagiotti con alcune ricostruzioni dai disegni originali di Léon Bakst e Pablo Picasso La consulenza per la regia è di Annamaria Bruzzese.
Lo spettacolo è stato protagonista di uno sfolgorante tour estivo in alcuni tra i più prestigiosi festival del nostro Paese, oltre che al centro di un importante evento televisivo, e viene riproposto a Pordenone in esclusiva.
Tutte le informazioni sul sito teatroverdipordenone.it e in biglietteria (0434 247624).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button