Breaking NewsVenezia

A Venezia non c’è emergenza idrica ma è necessario mantenere alta la guardia

A Venezia la situazione dell’approvvigionamento idrico non è di emergenza, nonostante lo stato di severità idrica e la siccità che sta interessando tutto il territorio nazionale. È quanto confermano i tecnici della centrale dell’acquedotto di Veritas, a Sant’Andrea, che invitano comunque a fare la massima attenzione e non sprecare nemmeno una goccia di acqua.

Questa mattina, venerdì 5 agosto, si sono recati a fare un sopralluogo nei locali della centrale gli assessori comunali all’Ambiente e alla Coesione sociale.
La centrale, spiega Veritas, distribuisce acqua potabile nel centro storico di Venezia, Murano, Lido e Pellestrina. La pressione di erogazione è di circa 28 metri di colonna d’acqua di giorno e 24 di notte con una portata, al momento del rilievo, di 1.000 litri/secondo e una media giornaliera di 800 litri/secondo. In un giorno d’estate Veritas distribuisce circa 75.000 metri cubi d’acqua (75 milioni in litri), mentre sono 60.000 in inverno.

Il sopralluogo è stato anche occasione per effettuare una visita al Museo dell’Acquedotto, la sala in cui sono esposti foto, documenti e macchine che raccontano la storia dell’approvvigionamento idrico in Laguna, partendo dalla fondazione di Venezia, passando per l’inaugurazione dell’acquedotto avvenuta il 23 giugno 1884 fino ad arrivare ai giorni nostri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button