Treviso

Ondata di maltempo porta forti piogge, bora e neve a bassa quota

Aria fredda di origine artica sopraggiunge proprio in queste ore sul bacino centrale del Mediterraneo, dando luogo allo sviluppo di una perturbazione che porta effetti sul tempo delle regioni settentrionali ed in parte su quelle centrali.

Nella notte e nelle prime ore del mattino si sono verificate precipitazioni diffuse sul Triveneto.
I quantitativi maggiori sulla fascia pedemontana trevigiana.

i quantitativi fino alle 9,30 del mattino.

La linea ferroviaria tra Montebelluna e Cornuda è stata interrotta tra le 6 e le 11 a causa delle avverse condizioni meteo che hanno provocato danneggiamenti.
I treni sono tornati a circolare dopo l’intervento dei tecnici di Rfi che hanno ripristinato la piena funzionalità della linea.
Effetti sulla mobilità ferroviaria: rallentamenti fino a 20 minuti per 2 Regionali, 6 Regionali limitati e sostituiti con autobus.

Nella notte, da 70 mm in 8 ore in pedemontana (la centralinqa Arpav di Follina ne ha registrati 109mm), 45 a Montebelluna, 30 a sud Treviso e sinistra Piave.

Il livello dell’ Avenale a Castelfranco Veneto è alto ma non ancora preoccupante, le casse di espansione sono sorvegliate dagli operatori del Consorzio di Bonifica Piave.

Il Monticano è in piena moderata, il personale del Consorzio ha chiuso tutte le chiaviche ed acceso le idrovore, i livelli sono già in calo da monte.
L’idrometro di Fontanelle ha già registrato il passaggio dell’onda di piena.

alle 8 l’idrometro di Fontanelle ha registrato il picco di piena
la piena del Monticano a Fontanelle

Il Codolo a Codognè ampiamente nei limiti.

Il Piave a Nervesa sui 200 mc/s in leggero aumento ma ancora molto basso, fortunatamente in montagna sta nevicando tra i 1300/1500 metri.
Non si segnalano al momento particolari criticità.

Il Piave a Nervesa

Sulle Dolomiti venete si sono depositati circa 30 cm di neve fresca creando non pochi problemi ai transiti sui passi. La neve si è spinta anche attorno ai 1200/1300 metri come testimonia questa foto catturata dal trampolino di Cortina:

In alcune vallate la neve ha raggiunto quote inferiori come nella zona della Carnia, fiocchi a 900 mt come a Forni di Sopra (UD).

Veneto Strade comunica che per il transito sulle strade oltre i 1300 metri servono dotazioni invernali, con catene montate sui passi Dolomiti. 

47 cm a ra Valle, 38 cm Col dei Baldi e 11 cm. a Faverghera

Tra il pomeriggio e la serata previste ampie schiarite sulle regioni del nord, con un graduale abbassamento della temperatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button