Treviso

24enne di Montebelluna sbaglia sentiero e viene recuperata dal Soccorso Alpino di Agordo nella notte

Ieri sera il Soccorso alpino di Agordo è stato allertato a seguito della chiamata di un ragazzo, che si trovava da due giorni in gruppo al Bivacco Bedin, poiché un’amica che doveva raggiungerli era in difficoltà.

Dalle prime informazioni, difficili da reperire a causa della scarsa copertura telefonica, la ragazza, aveva raggiunto Pradimezzo alle 12 e aveva iniziato a salire mandando delle foto, perché non si ritrovava lungo il percorso e non riusciva ad arrivate a Malga Ambrosogn, da dove prosegue il sentiero per il Bivacco Bedin verso le Pale di San Lucano.

Dalle immagini, l’ultima spedita nel tardo pomeriggio, i soccorritori hanno capito però che era da tutt’altra parte. Finché, a conferma, la ventiquattrenne di Montebelluna è stata in grado di mandare la posizione tramite Whatsapp.

L’escursionista aveva sbagliato fin dalla partenza, nella zona di Torcol, l’itinerario, salendo a Rudelfin basso, sotto il Monte Pape.

Quattro soccorritori si sono portati a Bogo, per poi proseguire in jeep fino a Cioit e da lì partire a piedi. Dopo una cinquantina di minuti, a Rudelfin basso, non appena hanno scollinato la ragazza ha iniziato a rispondere ai richiami e a fare segnali con la luce del telefonino. Era uscita dalla traccia, dopo aver vagato, e si trovava tra la vegetazione, riparata sotto un albero con il saccoapelo, a 1.800 metri di quota. In dieci minuti la squadra era da lei.

I soccorritori l’hanno riportata sul sentiero e riaccompagnata a valle, dove, a venti minuti dalla jeep, due Vigili del fuoco sono andati loro incontro. L’intervento si è concluso alle 2.

Il Soccorso Alpino ricorda che il Bivacco Bedin, come tutti gli altri bivacchi, è un presidio di emergenza, non un rifugio d’alta quota in cui si può pernottare per più giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button