Home -> Friuli Venezia Giulia -> Domenica con forti temporali e ritorno della neve. La situazione

Domenica con forti temporali e ritorno della neve. La situazione

E’ stata una domenica fortemente perturbata.
Al mattino forti precipitazioni sull’alto vicentino, segnalate anche grandinate.
Poi i fenomeni intensi hanno interessato un pò tutto il territorio in particolare il bellunese dove gli accumuli hanno sfiorato i 70 mm.
Nubifragi e allagamenti anche nel padovano.
Le temperature sono scese e la neve ha fatto la sua comparsa sulle Dolomiti sopra quota 2 mila metri.

Rifugio Scoiattoli 2.250 mt

Nel pomeriggio i temporali si sono spostati dalle coste venete a quelle del Friuli occidentale.

il maltempo sulla costa del Friuli Occidentale

Proprio al confine delle due regioni troviamo accumuli sostanziosi (vedi Lugugnana di Portogruaro e Latisana). Tra Veneto Orientale e la bassa udinese numerose strade allagate e chiusura sottopassi . Gran lavoro per i Vigili del Fuoco.

la centralina dell’Arpav di Lugugnana con precipitazioni record

Attualmente il fronte più intenso si sta spostando verso est e sta valicando il confine con la Slovenia.
Domani, lunedì pausa asciutta e soleggiata, ma temporanea, infatti un terzo ciclone farà rotta verso l’Italia a partire da martedì con alto rischio di nubifragi e alluvioni lampo su molte regioni.
Le piogge di queste ore sono le benvenute considerato che il mese di agosto si è chiuso sotto media.
Il rapporto risorsa idrica dell’Arpav segnala che mediamente nell’ultimo mese sul territorio regionale sono caduti 84 mm di precipitazioni, 14% in meno rispetto alla media del periodo 1994-2018.
Le portate dei fiumi Po, Adige, Bacchiglione e Livenza risultano ancora nettamente inferiori alle medie mensili storiche.
Le riserve idriche nel manto nevoso del bacino del Piave sono da ritenersi ormai irrilevanti ai fini della risorsa idrica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*