Home -> Treviso -> Confartigianato: appello delle imprese per sbloccare il riciclo dei rifiuti in Italia

Confartigianato: appello delle imprese per sbloccare il riciclo dei rifiuti in Italia

C’è il caso dei rifiuti inerti da costruzioni e demolizioni che riscontrano problemi nel riutilizzo per produrre aggregati riciclati; quello dello stop dell’utilizzo degli pneumatici fuori uso per realizzare fondi stradali, pannelli insonorizzati o elementi d’arredo urbano; il fermo al riciclo dei rifiuti da spazzamento stradale e conseguente recupero di sabbia, ghiaino e ghiaietto; o delle Apparecchiature Elettriche Elettroniche (RAEE) le cui singole parti non possono più essere riutilizzate o riparate con l’utilizzo di altre parti per rigenerare gli elettrodomestici.
Sono questi solo alcuni degli esempi di attività di riciclo bloccate a seguito di una sentenza del Consiglio di Stato.
La misura dello Sblocca Cantieri in materia di cessazione della qualifica di rifiuto non ha risolto la situazione, salvaguardando gli impianti che utilizzano le tipologie e le attività di recupero.
“Siamo preoccupati per le ricadute sull’ambiente e sui costi di gestione dei rifiuti per famiglie e imprese”, commenta il presidente Vendemiano Sartor.
Quello dell’economia circolare è un tema di stringente attualità sul quale anche le imprese si interrogano trovando, da un lato soluzioni davvero inedite di gestione dei rifiuti, dall’altro un nuovo mercato grazie ai prodotti che nascono proprio dal riciclo.
Per non parlare degli impegni economici e degli investimenti nelle nuove tecnologie che per la gestione di tutto questo”.
Bastano alcuni dati (di Eurostat) per capire la portata della questione: l’economia circolare in Italia realizza un fatturato di 55,8 miliardi di euro e un valore aggiunto di 18 miliardi, pari all’1,1% del PIL; le attività di riciclo, riuso e riparazione sviluppano 2,2 miliardi di euro di investimenti e un’occupazione di oltre mezzo milione di addetti. L’Italia è al primo posto tra i maggiori paesi europei per quota di occupati nell’economia circolare, pari al 2,1% degli occupati di tutti i settori (1,7% la media Ue), cifra che arriva al 75,9% nelle piccole e medie imprese. Ancora, negli ultimi 4 anni quasi il 20% delle imprese ha effettuato investimenti green per minor impatto ambientale e maggior risparmio energetico; mentre sale al 46,6 (ovvero una azienda su due) la percentuale delle imprese che ha adottato o lo farà nell’imminente futuro, soluzioni specifiche di economia circolare.
Forte di questi motivi il mondo imprenditoriale e associativo, quindi, ha recentemente rivolto un appello a Governo e Parlamento per trovare una soluzione al blocco delle operazioni di riciclo dei rifiuti.
Ben 54 le associazioni, tra cui Confartigianato, riunite a Roma per denunciare la situazione.
“Questo quadro normativo limita diverse attività di riciclo di rifiuti di origine sia urbana che industriale e la realizzazione di nuove attività e impianti.
La raccolta differenziata è una precondizione per gestire in modo virtuoso i rifiuti attraverso il loro corretto conferimento verso impianti preposti al riciclo in modo che dopo il trattamento restituiscano prodotti, materiali e oggetti destinati al mercato”.
C’è da tener anche presente che l’invio dei rifiuti all’estero ha costi troppo elevati per i cittadini e le imprese ed è proprio un Paese povero di materie prime come l’Italia a dover valorizzare i materiali di scarto per essere competitivo nel confronto internazionale e rafforzare la propria base imprenditoriale.
Il blocco delle autorizzazioni costa 2 miliardi di euro in più all’anno.
L’appello del mondo imprenditoriale si rivolge non solo alle Istituzioni ma anche ai cittadini.
Se le operazioni di riciclo non vengono rapidamente sbloccate, la crisi in atto che già colpisce la gestione dei rifiuti, urbani e speciali, si aggraverà e porterà a situazioni critiche in molte città su tutto il territorio nazionale, con il rischio di sovraccaricare le discariche e gli inceneritori.
Le attività più colpite sono proprio quelle che impiegano modalità e tecnologie più innovative per il riciclo e recupero dei rifiuti e quindi paradossalmente anche le più efficaci per la tutela ambientale.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*