Home -> Pordenone -> Il Pordenone calcio in serie B ricevuto in Municipio
Il Pordenone Calcio ricevuto in Consiglio

Il Pordenone calcio in serie B ricevuto in Municipio

«Una “convocazione” in Municipio – ha spiegato il sindaco – per rinnovare l’abbraccio di tutta la città ai ramarri. Siete riusciti a far innamorare tutta Pordenone, farne parlare in tutta Italia, far diventare i neroverdi la squadra di tutto il territorio. Il vostro esempio di unione e sacrificio è uno sprone anche per noi. Stiamo lavorando e lavoreremo affinchè il progetto Pordenone calcio abbia gambe sempre più solide. La collaborazione tra Comune e società procederà e confermo che stiamo studiando tutte le strade possibili per costruire in città lo stadio, una cittadella dello sport capace di coniugare le esigenze del calcio e di altre discipline e società sportive. Ringrazio i giocatori, il presidente Lovisa, tutto lo staff e il Mister Tesser, esempio di professionalità e compostezza. Una città si compone di servizi di qualità, ma anche di cultura, aggregazione e sport. Una squadra in serie B arricchisce il biglietto da visita della nostra comunità».

Ricevendo dalle mani del sindaco il Sigillo della città il presidente Mauro Lovisa, ha ingraziato per il sostegno ottenuto e ha sottolineato l’importanza del lavoro di tutti i componenti della società poiché solo così, lavorando in squadra, si raggiungono risultati come questo. “ E’ finito un ciclo che ci ha portato in serie B – ha detto- ora ne comincia un altro con obiettivi alti ed ambiziosi”.
L’assessore allo sport Walter De Bortoli ha ribadito che questo straordinario risultato, ha contribuito ad accendere in città la passione per lo sport in generale e non solo per il calcio, mentre il mister Tesser ha ringraziato la società e i giocatori per l’impegno e la dedizione dimostrata nel corso della stagione ricordando che oltre al nome della Società si porta in giro anche il nome della città.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*