Veneto

18enne perde la vita scivolando nel ghiaccio

Tragedia della montagna, ieri sera, nel bellunese.
Due amici appena 18enni non sono rientrati dalla loro uscita che, da Santo Stefano di Cadore, il loro paese, doveva portarli verso il Monte Col, lungo il sentiero 331.

Allertati, gli uomini del SoccorsoAlpino hanno percorso quel sentiero, senza però trovare i due ragazzi.
Subito è stata messa in moto una seconda squadra e tutta la drammaticità della vicenda è stata chiara quando uno dei due è riuscito a rientrare da solo ed ha raccontato di aver scomparire l’amico in un canalone.

Gabriele Comis era scivolato nel ghiaccio e nel buio, impossibile da raggiungere per il compagno di escursione, visibilmente sotto choc e reduce a sua volta da una disavventura simile: cercando di raggiungere l’amico che non sentiva più, era a sua volta caduto, lui però, provvidenzialmente bloccato dalle piante del sottobosco.

Intorno alle 22, gli uomini del Soccorso Alpino hanno rinvenuto a terra gli occhiali di Gabriele e poco dopo, anche il corpo senza vita, parecchie decine di metri più sotto.
La fatale caduta aveva ucciso sia il 18enne che il suo cane, trovato cadavere vicino al padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button