Home -> Treviso -> 15enne in arresto cardiaco: lo salvano Rolando e il defibrillatore

15enne in arresto cardiaco: lo salvano Rolando e il defibrillatore

Se oggi non siamo a scrivere dell’ennesima tragedia maturata su un terreno di gioco lo si deve a due fortunati aspetti della storia: la presenza di un esperto e quella del defibrillatore fatto installare dal Comune.

Tutto è successo a Treviso, ieri sera, intorno alle 19.30 agli impianti sportivi comunali di via Medaglie d’Oro.
Qui, al termine dell’allenamento, un ragazzo di soli 15 anni si è accasciato a terra.

Tra gli allenatori immediatamente accorsi era presente l’autista soccorritore del Suem 118 di Treviso, Rolando Zuccon.

Realizzato che il ragazzo era in arresto cardiocircolatorio, Zuccon ha subito avviato le manovre di rianimazione cardiopolmonare, contestualmente chiamando i colleghi del 118.

Altro colpo di fortuna (perchè, diciamocelo, non è che si trovino ovunque), l’impianto è dotato di un defibrillatore installato dal Comune.
Zuccon lo sapeva usare e ha messo in pratica le sue conoscenza.

La scarica, l’intervento immediato e il pronto soccorso dell’ambulanza, unite alla bravura di Rolando Zuccon, fanno si che il quindicenne, trasportato all’Ospedale di Treviso dov’è tuttora ricoverato, sia in condizioni che possiamo definire buone.

L’episodio di ieri, oltre a rimarcare la preparazione del tecnico Suem, testimonia l’importanza della diffusione del defibrillatore sul territorio, delle manovre di rianimazione cardiopolmonare, dell’immediata attivazione del 118.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*