Treviso

Lo scudetto del volley femminile resta a Conegliano

La Prosecco doc Imoco volley è nuovamente Campione d’Italia.

In una gara4 tecnicamente non bella ma non priva di momenti intensi e molto agonismo, le coneglianesi hanno avuto ragione delle padrone di casa di Monza vincendo tre set, perdendone uno e regalandone un altro. Una vittoria di squadra: a rotazione, ognuna delle ragazze in campo si è guadagnata il suo momento. Una prova corale che porta a Conegliano il quinto scudetto della sua breve ma intensa storia.

Primo set praticamente senza storia tra due formazioni che faticano a prendere il ritmo. Parecchi gli errori in battuta da ambo le parti, ma una Egonu in più e una solida Plummer bastano a Conegliano per chiudere senza troppi patemi d’animo.

Folie sugli scudi nel secondo set, oltre alla solita Paola. Bene Sylla, anche a muro. Imoco prende il largo prima della metà del set. Tutto gira senza troppa fatica per le coneglianesi, complici delle avversarie lontane dalla forma delle precedenti sfide di finale almeno fino a quando Imoco scavalca quota 20. Le padrone di casa si rifanno sotto con una splendida rimonta e da 13 a 21 passano al 23 a 21. Il black out coneglianese costa il set che va alle monzesi per 25 a 23.

Il terzo set inizia com’era finito il precedente, con Monza a cercare di prendere il largo. Egonu e Plummer danno la sveglia alle compagne e Imoco si porta avanti. 4, 5 punti che le coneglianesi stavolta non buttano al vento, contenendo il ritorno delle lombarde. Chiude Egonu sul 25 a 21.

Quarto set. Monza ha di più da perdere e si vede. Le monzesi combattono punto su punto ma la Imoco non cede. Si viaggia con distacchi minimi, 2, 3 punti in favore delle venete fino al 16 pari. Si va punto a punto fino al 21 pari, quando Monza allunga di due punti. Time out Santarelli. Non basta, Monza porta Imoco al tre break.

Dopo due ore, gara4 si decide con il set corto. Si gioca punto a punto, nessuno cede. Imoco allunga di 4 al cambio di campo che arriva sull’8 a 4. Conegliano regge il ritorno delle monzesi: 11 a 8. Santa Egonu docet. Paola, Paola e ancora Paola. 13 a 8 per la Imoco. E Plummer a segnare il penultimo punto, ma lai splendida Folie chiude i conti con un Monster blocca dei suoi.

Per l’Imoco si chiude un ciclo. Tanti i nomi storici dati per sicure partenti, anche proprio verso Monza. Restano numeri che fanno la storia, e non solo della società trevigiana. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button