Treviso

102 anni di zia Maria, festa a Monastier con l’orchestra

Dopo il duro periodo della pandemia, Villa delle Magnolie di Monastier di Treviso, torna finalmente a festeggiare i traguardi centenari dei suoi ospiti.
Tra gli ospiti, la sooddisfazione di essere diventata ultra-centenaria, la signora Maria, nata il 24 aprile del 1920.

E’ stata una festa in grande stile: tanti fiori, regali, l’orchestra con la musica di Luca Bonesso, una grande torta e gli auguri portati personalmente, oltre che dalla direzione della struttura, dal vicesindaco Sergio Leonardi e l’assessore allo Sport Loredana Crosato di Roncade, paese a cui Maria è molto legata.

Un traguardo, quello di Maria Perinotto, che solo in pochi hanno la fortuna di raggiungere, soprattutto in gamba e in salute come è lei. La sua grande passione: la lettura del giornale quotidiano che le consente di rimanere sempre informata su quello che accade nel mondo ma soprattutto nei paesi a lei cari, come Breda e Roncade.

Originaria di Breda di Piave (Tv), ha lavorato fin dalla giovane età come operaia presso la cartiera Burgo in località Mignagola di Carbonera.

Il matrimonio è arrivato solo all’età di 65 anni, quando la signora Maria ha confermato il proprio “Sì” al suo grande amore Mario Moretto.

Dopo le nozze, si è trasferita a Biancade e successivamente a Roncade, per avvicinarsi ad alcuni famigliari del marito. La signora Maria si è infatti sempre presa cura della casa e del consorte in autonomia, nonostante alcune limitazioni motorie sopraggiuntegli; almeno fino al 2004, quando a seguito di un peggioramento della situazione sanitaria, il signor Mario è entrato come ospite presso Villa delle Magnolie.

La signora Maria veniva a trovarlo settimanalmente, trascorrendo insieme l’intera giornata. Poi nel 2008 si è verificato un incidente. La signora Maria è caduta, procurandosi una frattura, ed è stata accolta a Villa delle Magnolie, dove ha avuto modo di restare accanto al marito fino al 2013, anno della sua scomparsa.

Oggi ha una nipote, Biancarosa Perinotto, che la viene a trovare con regolarità e che ovviamente non si è mai persa gli importanti traguardi della “super” zia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button