Prendi notaVeneto

1 miliardo di euro di extra costi per l’energia per il turismo in Veneto

È un’estate a due facce quella degli operatori del turismo del Veneto.
Da un lato c’è grande soddisfazione per la ripresa del movimento turistico, che porterà diverse località a raggiungere i volumi pre-pandemia del 2019. Ma dall’altro lato desta forte preoccupazione il considerevole aumento dei prezzi dell’energia: una voce di costo importante anche per il settore ricettivo e per la ristorazione, che rischia di mettere in pericolo il futuro di molte imprese.

Secondo le stime della Fondazione Think Tank Nord Est, infatti, i servizi di alloggio e ristorazione in Veneto, nel corso del 2022, potrebbero complessivamente arrivare a pagare oltre un miliardo di euro in più per le forniture di energia elettrica e gas.
Se nel 2019 si stimava un costo complessivo inferiore ai 300 milioni di euro, a parità di consumi nel 2022 le bollette potrebbero crescere fino ad oltre 1,3 miliardi di euro: si tratterebbe di un aumento, rispetto al 2019, di quasi il 400%.
La stima si basa su uno scenario che prevede la tenuta dei prezzi su valori molto elevati, in linea con la media del mese di agosto.

L’eccezionalità della situazione odierna risulta evidente dal confronto tra l’andamento del Prezzo Unico Nazionale dell’Energia Elettrica negli ultimi due anni, rispetto a quanto successo dall’inizio degli anni Duemila.
Infatti, nel 2004 il PUN medio annuo era di poco superiore ai 50 euro per megawattora, per poi salire fino a 87 euro nel 2008 e quindi scendere a meno di 40 euro nel 2020.

La crescita vertiginosa si è registrata solamente nell’ultimo anno: il prezzo medio mensile ha oltrepassato per la prima volta la soglia dei 100 euro nel luglio 2021, per poi iniziare un’ascesa che lo sta portando a superare un valore medio di 500 euro in agosto.
L’aumento del PUN, da agosto 2021 ad agosto 2022, è del 351%.
Anche il gas ha mostrato un trend analogo. Dopo alcuni anni di sostanziale stabilità, la crescita è iniziata durante la scorsa estate: il prezzo medio mensile del gas era ancora inferiore ai 20 euro per megawattora ad inizio 2021, mentre si sta definendo un prezzo medio per agosto intorno ai 220 euro. L’aumento, da agosto 2021 ad agosto 2022, è del 418%.

E purtroppo la situazione potrebbe ulteriormente peggiorare in autunno, quando si teme una nuova impennata dei costi energetici, nel caso in cui la fornitura di gas proveniente dalla Russia dovesse diminuire.

“Il settore turistico rischia di dover chiudere in anticipo la stagione estiva a causa dei costi insostenibili dell’energia – dichiara Antonio Ferrarelli, presidente della Fondazione Think Tank Nord Est – perché sotto una certa soglia di riempimento delle strutture ricettive non conviene tenere aperto. Bisogna intervenire al più presto con un intervento strutturale di natura regolatoria, iniziando dal meccanismo con cui si forma il prezzo di borsa nel mercato elettrico. Cominciamo dal separare il mercato delle fonti fossili da quello delle rinnovabili: oggi infatti paghiamo l’energia eolica e fotovoltaica come se utilizzassimo il gas per produrla.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button